Schegge dialettali – I proverbi della saggezza popolare

Questi sono la minima parte degli innumerevoli  proverbi che riguardano la casa, la gente, la fede, le previsioni del tempo, le virtù, i difetti, la salute e gli animali. Sono il frutto della sapienza popolare che rendeva più viva, più semplice e più pratica la vita quotidiana delle passate generazioni. Chi volesse conoscerli tutti può consultare il volume “…..Ccussì ticévunu li nanni nuésci” di don Cosimo Occhibianco.

Proverbi

Quanta cchjù jértu è llu santu, cchjù ffessa è cci lu porta ‘ncuéddu!

Quanto più alto è il santo, più fesso è chi lo porta addosso!

Rif. E’ un modo eufemistico di chiamare fesso il prossimo!

No stè sàbbutu senza sòli, no stè fèmm’na senz’amòri. No stè cranu senza rista, no stè jaddu senza crista!

Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senz’amore. Non c’è grano senza resta, non c’è gallo senza cresta!

Rif. La vita non permette di trovare delle cose impossibili come quelle citate.

Nna fémm’na, nna pàpra e nnu puércu. ttirrèra nnu paìsu!

Una donna, una papera e un porco, spaventarono un paese!

Rif. La loquacità di una donna, il gloglottare di una papera e il grugnire di un porco misero a soqquadro un paese.

No ccrétiri, figghju mia: né a ffémmna ca chjànci, né a cca vàddu ca suta!

Non credere, figlio mio: nè a donna che piange, nè a cavallo che suda!

Rif. Non lasciarsi ingannare facilmente dalle apparenze

A cci spùta li cristiani, faci la mòrti ti li cani. A cci spùta li signùri faci la mòrti t’li cagnuli!

Chi sputa la povera gente, fa la morte dei cani. Chi sputa invece, i signori, fa la morte dei cuccioli!

Rif. Non bisogna sputate nessuno, altrimenti la morte è certa.

La vita è nnu pisatùru, a cci la pìgghja ‘n càpu, a cci la pìgghia ‘n cùlu!

La vita è un pigiatoio: nel quale c’è chi riceve un colpo in testa, e chi lo riceve in culo!

Rif. La vita è un eterno soffrire.

Quanna zzappi e quanna puti, no ssi vétunu nipùti. Quanna è ttiémpu ti vinnégni, Zzìu ccè vvegnu? zzìu ccè vvegnu?

Quando zappi e quando poti, non si vedono nipoti. Quando è tempo di vendemmie, Zio vengo? zio vengo?

Rif. Per lavorare nessuno è disponibile…….Per raccogliere tutti si affrettano!

Lu ciùcciu mancunàru, pi llu mìgghju, pirdìu lu migghjàru!

L’asino infingardo, per il miglio, perdette il migliaio!

Rif. Il pigro, per fare meno strada scegliendo la scorciatoia, finisce col farne di più.

Li cantri sò ddivintati bbicchjèri, e lli bbicchjèri sò ddivintati cantri!

I vasi da notte sono diventati bicchieri, e i bicchieri sono diventati vasi da notte!

Rif. Cambiano tempi e valori, per cui gli ignoranti sono ritenuti colti e i colti ignoranti.

Lu stuéticu è ccòmu lu cani, mmòzzica la manu ca li tè lu pani!

Lo stupido è come il cane, morsica la mano di chi gli dà il pane!|

Rif. Lo sciocco, in quanto tale, è superbo ed ingrato tanto da morsicare il padrone.

A lla vòcca t’lu furnu mittimu lu tampàgnu, ma a lla vòcca t’li fémmini cce mmittimu?

Alla bocca del forno mettiamo il coperchio, ma alla bocca delle donne, che mettiamo?

Rif. Malignamente rivolto alle donne che hanno la lngua lingua.

Cu ttré ccòsi si rricchèsci l’òmu: o acchjatura, o ncurnatura, o sirratura!

Con tre cose l’uomo può arricchirsi: o con il ritrovamento di un tesoro nascosto, o con il prostituirsi della moglie, o con lo scassinamento di una cassaforte!

Rif. La ricchezza facile e vistosa non può appartenere all’onesto lavoratore.

Ci lu cùlu rrimani ttappàtu, la véntri rrimani cunfiàta, ma ci spari e mmini fòri la véntri no tti tòli!

Se il culo rimane ostruito, il ventre rimane gonfiato, ma se scorreggi ed emetti fuori l’aria, il ventre più non ti duole!

Rif. Suggerimenti pratici di Medicina antica.

Quanna li cùli ddivéntunu pisanti, tutti li vécchji ddivéntunu santi!

Quando i culi diventano pesanti, tutti i vecchi diventano santi!

Rif. Un modo come un altro per rimarcare l’aspetto della vecchiaia.

Quanna la vacca nò mmancia cu llu vòi, o à mmanciatu prima, o mancia ti cchjù pòi!

Quando la vacca non mangia col bue, o ha mangiato prima, o mangia di più, poi!

Rif. Una moglie non muore mai di fame; trova sempre il modo per nutrirsi.

Tiavulìcchji e ppipalùri, fàciunu l’uémmini sicùri, a ll’amòri e a lla fatìa, ca sifaci nòtti e ddìa!

Peperoni e peperoncini rendono gli uomini più sicuri, nell’amore e nel lavoro che si fa di notte e di giorno!

Rif. Ortaggi afrodisiaci che favoriscono l’amore e il lavoro (una volta manuale).

Mpara lu cùlu quanna stè sùlu, ca quanna stè ccumpagnatu s’àcchja bbuénu mparatu!

Educa il culo quando è solo, perchè quando è in compagnia, si trova ben educato!

Rif. Buone abitudini da acquisire per essere rispettosi degli altri.

Ci la ‘nvìtia era cùgghja, tutti scévunu cu nna canéscia nnanti!

Se l’invidia fosse scroto, tutti porterebbero un canestro avanti!

Rif. Un forte accento all’invidia, il vizio più comune e diffuso.

L’avàru è ppròntu a llu pigghjà e ssémpri tardu a llu lassà, e cci li véni n’acciténti a nnisciùnu pò à ddà niénti!

L’avaro è lesto al prendere e sempre lento a lasciare, e se gli viene un’accidente a nessuno ha da dare niente!

Rif. L’avaro conosce solo il verbo avere e disconosce il verbo dare.

La véntri è nna piddécchja, cchjù la ìnchji e cchjù stinnécchja!

La pancia è una pellicola, più la riempi e più si stende!

Rif. Detto a chi si ingozza

Priéviti e mmuénici, pi ccaritàti pii, càntunu réchji à lli muérti, pi scè ‘n cul’a lli vii!

Preti e monaci, (molto) pii nella carità, cantano requie ai morti, per fottere i vivi!

Rif. Generalizzare non è mai giusto! Pregiudizi e malafede sono cattivi consiglieri.

La vécchja no vvulèa mai murè, ca quanta cchjù campava, cchjù mparava!

La vecchia non voleva mai morire, perchè quanto più campava, più imparava!

Rif. Nella vita non si finisce mai di imparare.

Tíssi la catara a lla frizzóla: fatti cchjú ddá cu nno mi tinci!

Disse la caldaia alla padella: fatti più in là perché non mi tinga!

Rif. Guardarsi prima dentro e non giuducare.

Li lampasciúni sli mánciunu li cafúni, li pizzi tli cani si li mánciunu l’artiggiani!

I lampascioni se li mangiano i cafoni, le pizze di cani se li mangiano gli artigiani!

Rif. Le cose buone le mangiano solo chi li conosce e li aprrezza.

Lu prim’annu, còr’a ccòri;lu sicònn’annu, cùl’a ccùlu; lu terz’annu, a ccàvici ncùlu!

Il primo anno,cuore a cuore; il secondo anno, culo a culo; il terzo anno, a calci in culo!

Rif. Se l’amore diventa abitudine è sintomo di un amore non vero.

No stè sàbbutu senza sòli, no stè fèmm’na senz’amòri: No stè cranu senza rista, no stè jaddu senza crìsta!

Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore. Non c’è grano senza resta, non c’è gallo senza cresta!

Rif. Impossibile trovare una donna che non sappia amare.

Šciacqua e šcetta, e mmèna nnanti!

Sciacqua e getta, e butta fuori!

Rif. Il prodigo dà facilmente tutto senza apprezzare in fondo le proprie cose.

Va bbèni! Tissi Matalèna, lu ciúcciu è zzuéppu e lla patrón’è ppréna, tinari non nci nn’à, quest’è lla pèna!

Va bene! Disse Maddalena, l’asino e zoppo e la padrona è gravida, denari con ce ne sono, questa è la vera pena.

Rif. Le disgrazie fisiche o morali possono affrontarsi con piè serenità se ci sono i soldi.

Muértu li sciušcéttu, no ffuémmu cchjù cumpari!

Morto il figlioccio, non fummo più compari!

Rif. Scomparso lo stato del bisogno si dimentica dell’amico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: