VIDEO DEL GIORNO – I nostri dicevano che se il nostro nome inizia con la lettera……. significa che…….! Nel video i nomi più comuni nel ‘700 a Grottaglie!

Annunci

Collegamento al sito “Grottagliesità Enciclopedica”

Grottagliesità Enciclopedica

“Grottagliesità Enciclopedica” è il sito di complemento a grottagliesitablog dove sono previste diverse sezioni funzionali di interesse, in corso di caricamento dati, quali: DIZIONARIO MULTIMEDIALE Grottagliese / Italiano – GALLERIA IMMAGINI – RACCOLTA DOCUMENTI – NOTIZIE STORICHE – CURIOSITA’ – NEWS. 

IL COLLEGAMENTO A *GROTTAGLIESITA’ ENCICLOPEDICA* NON E’ AL MOMENTO DISPONIBILE PER LAVORI DI AGGIORNAMENTI AL PROGRAMMA OPERATIVO. 

Li fatiaturi ti nna vóta!

Lu villanu.jpg

Il duro lavoro dei contadini di un tempo lo ricordano soltanto le vecchie generazioni. Non credo di poter descrivere il sacrificio a cui andavano incontro tanta fatiaturi per portare a casa pochi spiccioli. Il duro lavoro era sproporzionato col misero guadagno che si riusciva ad ottenere a fine giornata. Solo una forza di volontà sorretta da una povertà indescrivibile, la necessità ed il decoro che una miseria può dare, faceva sopportare le fatiche che una volta solo gli schiavi sopportavano. Ma la miseria è sempre stata e sarà schiavitù. Così i contadini si alzavano prima dell’alba e dopo una colazione di avanzi di minestra della sera precedente, prendevano la visàzza, bisaccia di tela, mettevano dentro un po’ di pane e la rasòla, la rasiera per pulire la zappa, lu vummìli, l’orciuolo di creta per l’acqua, la zzappa, e si avviavano a piedi per la campagna, da soli o in compagnia di altri contadini, percorrendo strade sterrate, affrontando intemperie di qualsiasi genere con pioggia e neve. Con passo spedito superavano ostacoli che incontravano durante il cammino. Dovevano badare alla propria incolumità e per chi aveva un mulo o un asino anche a quella dell’animale. Dopo un’intensa giornata di lavoro con una breve sosta a mezzogiorno, arrivava la sera e il ritorno era forse più doloroso dell’andata. Il pensiero di dover ripercorrere la strada già percorsa, la stanchezza ed il sonno, il desiderio e la necessità di riposare, creavano una fatica superiore ad ogni esperienza. Ma tutto veniva superato al suo arrivo in casa dove ad accoglierli c’erano le proprie mogli, che dopo averli aiutati a deporre gli attrezzi di lavoro, li assistiva amorevolmente, mentre loro si rinfrescavano dal sudore impastato alla terra, accumulato durante il giorno. Un omaggio a questi lavoratori di un tempo con il componimento “Lu villánu” inserito nella mia Silloge Poetica “Pinziéri, Rricuérdi e Vòci della Collana “Sul Filo della Memoria” del 2004.

Lu villánu

La facci gnóra rrappáta t’lu sóli

li rázzi azzaríti e curaggiúsi

li tó máni fuérti e cáddusi

lu córi tuéstu ma cúrmu t’amóri;

la zzáppa appriéssu pi cumpágna      

lu vummíli chjinu t’acqua lacrimánti

la visazza cuntinénti pani e niénti

sémpri fóri a fatià cu fríddu e viéntu;

sutóri, tant’affánnu e sculunfáta    

lu ccumpagnúnu pi totta la sciurnáta

finarménti rríva lu ddrifíscu ti la séra

e lu villánu si ddurmésci a lla fracéra.

Il contadino

La faccia scura raggrinzita dal sole

le braccia muscolose e coraggiose

le due mani forti e callose

il cuore duro ma colmo d’amore;

la zappa appresso per compagna

l’orciuolo pieno d’acqua lacrimante

la bisaccia contenente pane e niente

sempre in campagna a lavorare con freddo e vento;

sudore, tanto affanno e stanchezza

lo accompagnano per tutta la giornata

finalmente arriva il riposo della sera

e il contadino si addormenta sul braciere.

Si ringrazia il prof. Gennaro Orazio per la foto dell’opera.

Cosimo Luccarelli

Alla scoperta dei famosi “detti” dei nostri antenati: «…. Agghji furtuna e mminiti a mmari ca mancu ti ffuéchi!»

Vecchi 1

Dagli anziani ascolto sempre con piacere tanti famosi “detti” che via via si vanno perdendo nel tempo. Su questo blog ne ho già riportati alcuni (vedi nella sezione CURIOSITA’) per mantenerli ancora vivi tra le nuove generazioni. Oggi è la volta del tipico detto «…. Agghji fortuna e mminiti a mmari ca mancu ti ffuéchi!Abbi fortuna e gettati a mare che neanche ti affoghi!» Chissà quante volte i nostri nonni l’hanno detto nel corso degli anni applicato a certe particolari situazioni. Ma cosa vuol dire e perché si diceva? E’ rivolto a coloro che sono strapieni di fortuna tanto che se accidentalmente dovessero cadere in mare non affogherebbero. Per dare valore a questa affermazione mio nonno raccontava questa storia che potrebbe avere un senso anche oggi. Il testo dialettale è seguito dalla traduzione italiana. «Nna vota stavunu tre villani, veramenti amici ti córi: Ggiuanni, Ntoniu, Nicola! Ggiuanni e Ntoniu erunu tó bbravi fatiaturi, Nicola inveci, era nnu picca assé mišckinu e ppappasuénnu. Nna sera, mentri stavunu a lla chiazza pi acchjá la sciurnata, Nicola sintiu ta ótri villani, ca ntlu fόri ti Ggiru ti Nnicchitiéddu, vicinu a llu puzzu, sott’a ll’avru tla fica, stava l’acchiatura. Nicola, comu l’à ntisu, l’à sciù ddittu subb’tu a Ggiuanni e a Ntoniu! – “Beh! vagnù!” á ddittu Ggiuvanni, a Ntoniu e a Nicola, “sta notti, a lli totici, nn’acchjamu vicinu a lla funtana, cu lli zappi, cittu cittu la scià ppigghjamu! – T’accordu?- Sini!” Puntualmente, a lli totici, Ggiuanni e Ntoniu stavunu vicinu a lla funtana, cu lli zzappi! Ma Nicola no ssi vitea!! Era rrimastu a ddórmiri! – “Spittamu nnu picca!” tissi Ntoniu, “poddarsi ca Nicola mo veni!” Ma cce? Nicola no nci veni cchjú! – Beh! á ddittu Ggiuanni: “Ntò! sciamini, ca Nicola, ci veni, veni!!!” E tutti e ddoi si mmiára fόri! Nna vota ca so’ rrivati fόri, senza pérdiri tiempu, so’ sciuti vicinu a llu puzzu, sott’a ll’avru tla fica, e s’ónu puéstu a scavá. Zzappa tu e zzappu iu! ..no ssi vitea propia niente..! Era passata nna bbon’ora senza cu ssi vitea niente! – “No ué vviti”, á ddittu Ggiuanni, “ca quiru minchjaliri ti Nicola nn’á ppigghjatu pi ffessa!! – Cce nni sciamu?” á ggiuntu Ntoniu! – “Beh! zzappamu nn’otru picca! “ á ddittu Ggiuanni. Ma mancu s’era spicciatu ti tíciri sti palóri, ca Ggiuanni lúccla: “Nah! Nto! Li mu cchiatu!!! Zzappa, bbellu bbellu Nto!! Cu nno ssi šckascia! – Nah! Nnu mmammocciu ti creta, bbruttu, mucitu, e šckifusu! E questa è l’acchjatura?” À ddittu Ggiuanni, scuraggiatu, delusu, e tristi! “Cu ssi vé a ffà fottiri, Nicola e tutti l’amici sua!” Beh! á ddittu Ntoniu, “cce ué faci Ggiua! Oramai mu cchjatu stu mmammocciu! Pigghjamulu bbellu bbellu e scià mintimulu retu la porta ti Nicola!! ca crémmatina m’á rritiri! “ L’ónu pigghjatu e l’ónu sciù mmisu retu la porta ti Nicola, e si nni sό sciuti a curcá a casa loru. Mo ti vogghju la matina! Quanna Nicola s’é azatu, e á sciutu cu apri la porta, lu mmammocciu zzóppa nterra e ssi šckáscia a ddói, e ffaci ruzzulá ‘nterra tanta sordi ti oru e dd’argientu!! “Matonna mea! cce è cquani?” á ddittu Nicola, cu ll’uécchji ta fόri! À ccugghjutu subb’tu subb’tu tutti cosi, si nn’è trasutu intra, á gghjusu la porta, e á ccuminzatu a ccuntá!!! Ma mentri sta ccuntava, si sintiu tuzza a lla porta! – “Ci eti oh? – Simu nui, Ggiuanni e Ntoniu!.. áprini!”Appena Nicola apriu, Ggiuanni e Ntoniu, viténnu tanta sordi, tissera: questa è l’acchiatura! “ e si mmuzzicara li mani! Allora Ntoniu tissi: è ppropia veru ca a llu fusu tli mišckini fila la Matonna! Noni, aggiunsi Ggiuanni: “Agghji fortuna e mminiti a mmari, ca mancu ti ffuéchi! (TRADUZIONE) Una volta c’erano tre contadini, amici veramente di cuore: Giovanni, Antonio e Nicola. Giovanni ed Antonio erano due bravi lavoratori, Nicola invece, un po’ troppo sfaticato e dormiglione. Una sera, mentre stavano in piazza, aspettando che qualcuno li prendesse a giornata, Nicola sentì da altri contadini, che nella campagna di Ciro “ti Nnicchitiéddu”(soprannome) vicino al pozzo, sotto l’albero di fico, c’era il tesoro. Nicola, come l’ha sentito, l’ha riferito subito a Giovanni e ad Antonio. “Beh! Ragazzi”, dice Giovanni ad Antonio e a Nicola, “questa notte alle dodici, ci troviamo vicino alla fontana, con le zappe, e in silenzio l’andiamo a prendere”. – “D’accordo? – Si!” Puntualmente, alle dodici, Giovanni ed Antonio erano vicino alla fontana con le zappe. Ma Nicola non si vedeva! Era rimasto a dormire. – “Aspettiamo ancora un po’! “ disse Antonio, “può darsi che Nicola venga!” – “Ma che? Nicola non viene più! – Beh! disse Giovanni:”Antonio, andiamocene, Nicola, se viene, viene!E tutti e due s’incamminarono verso la campagna. Giunti in campagna, senza perdere tempo, si sono avvicinati al pozzo, sotto l’albero di fico, e si sono messi a scavare. Zappa tu e zappo io, non si vedeva proprio niente! Era ormai passata una bun’ora senza vedere qualcosa! – “Vuoi vedere, ha esclamato Giovanni, che quel deficiente di Nicola ci ha presi per fessi!” – “Ce ne andiamo? “ha soggiunto Antonio! – “Beh! scaviamo ancora un po’! “ ha ripreso Giovanni. Ma neanche aveva finito di dire queste parole, che Giovanni grida: “eccolo! Antonio, l’abbiamo trovato!!!” – “Antonio: vai piano! che non si rompa! É un bamboccio di creta, brutto, sporco e schifoso! Questo è il tesoro?”, disse Giovanni, deluso, scoraggiato e triste! “che vada a farsi benedire, Nicola, con tutti i suoi amici!” – “Beh!“ ha detto Antonio, “cosa vuoi fare caro Giovanni!! Ormai abbiamo trovato questo bamboccio! Prendiamolo pian piano, e andiamo a depositarlo dietro la porta di Nicola, e domani rideremo!” L’hanno preso delicatamente, e sono andati a depositarlo dietro la porta di Nicola. Fatto ciò, si sono ritirati a casa per dormire.Ora al mattino viene il bello! Quando Nicola s’è alzato ed è andato ad aprire la porta, il bamboccio cade per terra e si rompe in due, facendo rotolare per terra tante monete di oro e di argento. – “Madonna mia!” esclama Nicola, con gli occhi fuori dell’orbita, “che cosa è questo?” Ed immantinente ha raccolto tutto, ha chiuso la porta, ed entrato in casa ha cominciato a contare. Ma mentre contava, si sentì bussare alla porta! – “Chi è?Siamo noi! Giovanni ed Antonio!…… Aprici!”. Appena Nicola aprì, Giovanni ed Antonio vedendo tutti quei soldi dissero: questa è l’acchiatura! ed amaramente si morsero le mani. Allora Antonio disse: E’ proprio vero che al fuso dei fannulloni, fila la Madonna! No! aggiunse Giovanni: Abbi fortuna e gettati a mare! e nemmeno affogherai!».   Cosimo Luccarelli

 

 

 

Come “I Cavalieri” del Medio Evo, antiche e nuove generazioni di grottagliesi sotto lo sguardo della propria e comune “Dama” rinnovano l’impegno di fede e amore alla Vergine del Carmelo

madonna del carmine

La devozione della Città di Grottaglie alla Madonna del Carmine risale al 1505, quando un sacerdote grottagliese, il Rev. Don Romano de Romano, fece edificare convento e chiesa su una piccola cappella in grotta dove era dipinta la Vergine della Grotta. Un culto mariano-carmelitano che da oltre 500 anni è rimasto vivo e fecondo grazie al lavoro pastorale dei Padri Carmelitani (presenti fino al 1880), ai tanti parroci e vice-parroci che si sono avvicendati nel tempo, alla Confraternita del Carmine e a tante generazioni di grottagliesi carmelitani uniti “dall’abbitínu” che in italiano è lo scapolare. Il termine si riferisce a quell’indumento che presso molti istituti di monaci o frati nel Medio Evo ricopriva sia il petto che le spalle (in latino: scapula), dopo averlo infilato per la testa. Serviva generalmente per i tempi di lavoro, così da proteggere l’abito e non insudiciarlo.
L’abito aveva però un significato soprattutto simbolico, significava il «giogo dolce» di Cristo (Mt 11, 29), cosa che abbandonare l’abito voleva dire sconfessare la disciplina monastica abbracciata, abdicare al servizio di Dio, mancare di fedeltà agli impegni assunti. Nell’ordine carmelitano – per le caratteristiche proprie di quest’ordine – lo scapolare assunse ben presto un significato mariano. L’ordine carmelitano, a differenza di quasi tutti gli altri ordini religiosi, non ha un preciso fondatore: alla sua origine c’è infatti un gruppo anonimo di eremiti, forse ex crociati, che, verso il 1190, si ritirarono sul monte Carmelo, in Palestina, per vivervi in solitudine, ascesi e preghiera contemplativa, a imitazione del profeta biblico Elia. Il loro nome originario era «fratelli della beata vergine Maria», fatto che li caratterizzerò, fin dall’inizio, assieme al legame con Elia, contemplativo e profeta, come «l’ordine della Vergine». A conferma di questo, si racconta che, nel 1251, la Vergine apparve al generale dell’ordine san Simone Stock. San Simone supplicava spesso la Madonna di proteggere con qualche privilegio i frati che portavano il suo nome. Ogni giorno recitava devotamente questa preghiera: «Fiore del Carmelo, vite feconda, splendore del cielo, Vergine pura, singolare; Madre fiorente, d’intatto onore, sempre clemente, dona un favore, Stella del Mare». Un giorno mentre ripeteva questa preghiera con grande fervore, la beata Vergine gli apparve accompagnata da una moltitudine di angeli, tenendo in mano lo scapolare dell’ordine e gli disse: «Questo è il privilegio che io concedo a te e a tutti i carmelitani: chiunque morirà con questo scapolare non patirà il fuoco eterno». Fin dal secolo XV la tradizione di questo dono-miracolo si legò al cosiddetto «privilegio sabatino», secondo cui la Madonna avrebbe promesso di preservare i suoi devoti, vestiti dello scapolare, dalle fiamme dell’inferno, e di liberarle da quelle del purgatorio, il primo sabato dopo la morte. Lo scapolare carmelitano, ridotto col tempo alle piccole dimensioni di un «abitino», si diffuse presso ogni genere di fedeli riuniti in confraternite o liberamente e spiritualmente affiliati all’Ordine. Il significato dello scapolare si compendia attorno a questi punti: 1. Segno e pegno. Segno di appartenenza a Maria, pegno della sua materna protezione, non solo in vita, ma anche dopo la morte. 2. Comporta l’aggregazione alla famiglia dei «fratelli della beata vergine Maria». 3. Con lo scapolare Maria stessa consacra il proprio figlio, vestendolo e segnandolo in modo speciale come appartenente a lei. «Donna, ecco il tuo figlio!» (Gv 19,26). 4. Il devoto (dal latino devovere, offrire, consacrare) con lo scapolare, «consegna se stesso» a Maria. Come un uomo libero nel Medio Evo si consegnava ad un signore per prestargli servizio e riceverne protezione. «Ecco la tua madre!». 5. Il devoto si impegna a vivere il suo servizio al Signore Gesù, attraverso l’intimità familiare con Maria, come «fratello della beata Vergine Maria». Per comprendere lo scapolare bisogna porsi in un’ottica «cavalleresca» che era quella del tempo in cui è nato, ma che appartiene anche ai valori intramontabili dell’uomo. Chi porta lo scapolare, ha detto Pio XII, «fa professione di appartenere a nostra Signora, come il cavaliere di quel tredicesimo secolo – a cui risale l’origine dello scapolare – che si sentiva, sotto lo sguardo della sua dama, forte e sicuro nel combattimento e che, portando i suoi colori, avrebbe preferito mille volte morire che lasciarli macchiare» (Pio XII, discorso nel settimo centenario dello scapolare carmelitano, 6 agosto 1950). Tutto questo i carmelitani grottagliesi, come altri carmelitani sparsi per il mondo, lo sanno bene e così anche quest’anno l’antica chiesa vedrà tanti volti consumati negli anni e tanti volti di nuove generazioni che prenderanno l’impegno di portare “l’abbitínu” o indossare l’abito confraternitale.

quadro mdc

                                                                                          Cosimo Luccarelli

I bambini di una volta avevano terrore della “Ninninédda Rufiána” perchè era sempre associata alla “cucchiára t’li fái” !

Ninninedda

Il termine Ninninédda nel linguaggio dialettale grottagliese ha due significati: il primo indica il pipistrello, il secondo un gioco simpatico, preferito dai ragazzi più grandi di un tempo, che si divertivano alle spalle di tanta gente che era in strada. Consisteva nel far riflettere un raggio di sole in uno specchio e proiettarlo in faccia alle persone che passavano abbagliandole. Questo raggio riflesso, per i più piccoli che non ne conoscevano l’origine, era la misteriosa Ninnidédda Rufiána che riferiva alla mamma tutte le marachelle fatte sia a scuola che in strada con i compagni. C’era sempre qualcuno che riferiva le birbanterie fatte nella giornata e per mantenere l’anonimato si attribuiva alla “Ninnidédda” la responsabilità di aver spifferato il malefatto; quasi sempre si facevano i conti con la cucchiára t’li fái (cucchiaio in legno per girare le fave), il mestolo più odiato dai ragazzi. Per verificarne l’attendibilità si osava sempre dire alla mamma: Ci tl’à ddittu? (Chi te lo ha detto?) e Lei accigliata e minacciosa rispondeva: Ci propia lu ué sséi, ml’à ddittu, la Ninninédda!….. e nno ddiciri cchjú bbuscii! ca quéra ti veti sémpri! (Se proprio lo vuoi sapere me l’ha detto la Ninninédda!….. e non dire più bugie! perché quella ti vede sempre!) Con rabbia dentro, coda fra le gambe e denti stretti, si diceva silenziosamente come un ventriloquo: Li muérti tla Ninninédda!” (Preferisco non tradurre!). Così il giorno successivo si stava attenti a non farsi beccare dal quel raggio di luce strano, ossia Ta quéra mmalitétta Ninninédda rufiána (Da quella maledetta Ninninédda ruffiana) che quasi sempre procurava seri dolori sul culetto per i colpi ricevuti dalla mamma con la cucchiara t’li fai”.

Si ringrazia l’artista Gennaro Orazio per la caricatura disegnata per questo post.

                                                                                          Cosimo Luccarelli

Espressioni, gesti e rimedi di antica memoria usati anticamente dagli anziani nelle famiglie grottagliesi!

Dopo la pubblicazione della raccolta rimedi e ricette Medicina popolare: i rimedi medicamentosi delle nostre nonne”, è la volta di un’altra raccolta dal titolo “Espressioni, gesti e rimedi di antica memoria”. Sono comuni espressioni, gesti e rimedi che gli anziani ripetevano con disinvoltura senza conoscerne a volta il significato. Prima che sia troppo tardi e quindi dimenticati, cerchiamo di ricordarli e “spiegarli” così come sono stati raccolti dalla viva voce di ultranovantenni. La loro validità o credibilità è stata oscurata dalla scienza e dalla modernizzazione, ma non per questo vanno dimenticati perché appartengono alla saggezza, credenza e semplicità dei nostri nonni.

    IMG_0529

ü  Il fischio d’orecchi. Per farlo cessare immediatamente si chiedeva un numero alla persona vicina. La lettera corrispondente al numero era l’iniziale del nome di chi ci stava pensando in quel momento con la variante che se il fischio era nell’orecchio sinistro ci stava elogiando mentre se l’orecchio era destro stava parlando male.

ü  Prurito nelle mani.   Una vera leggenda!  I nostri nonni, che erano i saggi della famiglia, ci dicevano che era un segno premonitore: Se il prurito era all’interno (sul palmo) della mano, di sicuro dovevamo prepararci a grandi guadagni economici. Se il prurito era all’esterno (sul dorso) della mano, si annunciavano solenni percosse o disagi. L’avvertimento era di non grattarsi, perche’ nel caso in cui il prurito era sul palmo, grattarsi faceva svanire l’effetto,  mentre se il prurito era sul dorso si confermavano “li mazzáti”. Quindi bisognava soffrire e sopportare quei maledeti pruriti in silenzio.

ü  Quando si addormentava una gamba o un piede.  Con rapidità si chiamava la nonna, sempre presente in casa, che toccando la gamba o il piede con le mani invocava l’angelo custode per far risvegliare l’arto incriminato.

ü  Per una storta al piede o alla mano. Le brave nonne applicavano sulla parte interessata dell’ovatta imbevuta di albume d’uovo sbattuto con un pizzico di sale. Fasciavano strettamente con delle bende e dopo diversi giorni, cioè quando l’ovatta si staccava dalla pelle, si toglieva tutto perché l’impacco aveva “tirato il dolore” .

ü  Chi aveva una forte emicrania (mal di testa). Si stringeva stretto stretto attorno alla testa un fazzoletto molto grande. Era il fazzoletto che le donne portavano di corredo, quello in percalle, dalle grande dimensioni con l’orlo in punta. Altro che aspirina!

ü  Chi aveva una leggera emicrania (semplice mal di testa). Alla nonna si diceva “Uhé, nò! Mi sté ffaci mali la cápu!” e lei suggeriva di strofinarsi le tempie e recitare una Ave Maria, un Padre Nostro, un Gloria Patri e poi farsi il segno della croce.

ü  Chi invece si procurava “nna panócchia” sulla testa.  Si prendeva sempre quel fazzoletto grande di percalle e si stringeva attorno alla testa dopo aver messo una cento lire sulla panocchia per comprimerla. Se si riusciva a tenerla per mezza giornata, spariva tutta la protuberanza.

ü  Chi aveva un brivido improvviso dietro la schiena. Si doveva fare immediatamente il segno di croce perché in quell’istante era passata un’anima vagante.

ü  La slogatura della spalla dei bambini (spaddatúra). I bambini tenuti in braccio da persone maldestre o messi a letto in posizione scorretta si procuravano la slogatura della spalla. La stessa veniva messa a posto da donne abili nel rraddrizzà l’òssi”. La tecnica era quella di massaggiare con il palo della mano, da sopra a sotto, la spalla del bambino. Poi prendevano il piede sinistro e il braccio destro e cercavano di far toccare le dita dei suoi piedi con quelle della sua mano ruotandone gli arti. Cosi’ facevano con l’altro piede. Se le dita mani-piedi si congiungevano, non c’era più la solgatura.

ü  Chi subiva un affascio o malocchio. La cosiddetta “nfascinatúra” era un genere di malessere che nei bambini si manifestava con il pianto dirotto e continuato o perché dormiva sempre, mentre negli adulti con forti mal di testa e instabilità caratteriale. Veniva attribuito a qualche persona invidiosa o zingara di passaggio che aveva “nfascinátu” il bambino o l’adulto e per poter togliere “lu nfascínu” si rivolgeva alle donne che eseguivano queste pratiche. Recitavano preghiere in massimo silenzio utilizzando olio oppure sale con pratiche diverse e molte volte ripetevano la pratica perché dicevano che la “nfascinatúra” era troppo forte.

ü  Se a qualcuno gli scappava di mano il contenitore di olio con versamento dello stesso per terra. Un incidente che poteva capitare a chiunque e comunque una vera jattura al malcapitato/a. Immediatamente si doveva versare sull’olio del sale grosso e recitare un’Ave Maria liberatoria. Dopo il segno della croce si gettavano quattro manciate di sale dietro la schiena recitando Padre, Figlio, Spirito Santo, Amen. Un segno premonitore di disgrazie e dalla quantità d’olio versato si ipotizzava la gravità. Una superstione?

ü  Il rispetto per il pane. Ancora oggi molte famiglie portano rispetto e devozione al pane, sia quello comprato che quello fatto in casa. A tavola qualsiasi forma di pane non deve mai essere rovesciata perché nella parte superiore è stata fatta una croce prima di lievitare e quindi rappresenta il volto di Gesù. Se qualche pezzo va per terra, deve essere preso, baciato e riposto nel cestino. Il pane non va gettato per nessun motivo e se non può essere utilizzato in casa si dà soltanto agli animali.

Si ringrazia l’artista Gennaro Orazio per aver concesso la pubblicazione dell’opera pittorica!
                                                                                                  A presto, Cosimo Luccarelli

Ritorna all’antico splendore la cappella della Madonna del Carmine con l’altare privilegiato concesso ai Frati Carmelitani il 5 gennaio 1582.

Top-002.BMP

La famiglia carmelitana in festa per il completamento del restauro della macchina lignea dell’altare privilegiato della Madonna del Carmine, che da oltre 400 anni ha visto pregare tanti devoti grottagliesi con suppliche e richieste di grazie alla Vergine del Carmelo. Finalmente il meraviglioso dipinto della Madonna torna al suo posto. Un dipinto che vede raffigurata la Vergine da gran Regina maestosa seduta in trono con il Bimbo tra le braccia. Da notare ai piedi del trono della Vergine, tra Confratelli e Consorelle i tre stemmi: al centro quello di Papa Gregorio XIII (Ugo Boncompagni 1572-1585) con grifo con ali aperte in campo rosso; a sinistra quello del Carmelo con una montagna nera, una corona dorata con palma e un giglio e tre stelle in campo azzurro; a destra quello di Grottaglie con tre spine di grano, caverna con bue e una stella. Il restauro sarà relazionato dalla dott.ssa Maria Gaetana di Capua, esperta in Conservazione e restauro di opere d’arte, che ha curato l’intervento. A supporto dell’evento interverranno: don Ciro Santopietro, Parroco del Carmine di Grottaglie; Antonio Santese, Priore della Confraternita del Carmine; mons. Alessandro Greco, Vicario della Curia di Taranto. Il dott. Silvano Trevisani, scrittore e giornalista, modererà la serata.

Top.BMP

 

 

 

Top-001.BMP

A presto, Cosimo Luccarelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: